CADORO
Krapfen alla confettura di albicocche

Krapfen alla confettura di albicocche

Attenzione, per aggiungere un contenuto alla tua lista dei preferiti devi accedere o registrarti!

INGREDIENTI (per circa 15 bomboloni):

15 g di lievito di birra
200 g di farina Manitoba
50 g di burro, sciolto a bagnomaria
80 g di latte intero
3 tuorli
20 g di zucchero
1 pizzico di sale
Confettura di Albicocca Cadoro BIO

PORZIONI:

circa 15 bomboloni

 

DIFFICOLTÀ:

media

 

TEMPO PREPARAZIONE:

circa 4 ore inclusa la lievitazione

Pellegrino Artusi, nel suo "La Scienza in Cucina e l’Arte del Mangiar Bene", racconta la ricetta dei krapfen, che è ancora valida e buonissima oggi.
I krapfen assomigliano ai nostri bomboloni. L’unica differenza è che, nel caso dei krapfen, il ripieno viene inserito prima della frittura, tra due dischi.

Per praticità, è più semplice friggere i bomboloni vuoti e riempirli all’ultimo, con la vostra confettura preferita, come la confettura di Albicocca Cadoro BIO.

 

Sciogliete il lievito di birra in metà del latte tiepido, e aggiungete un cucchiaio di farina, sottraendolo dal totale. Mettete il latte con lievito e farina da parte, al riparo dagli spifferi, e attendete finché non raddoppia.
Quando il lievito è raddoppiato, in una ciotola ampia raccogliete la farina, lo zucchero, il burro sciolto e un pizzico di sale. Versate il lievito, il latte e i tuorli e iniziate a impastare.
L’impasto all’inizio sarà appiccicoso. Piano piano inizierà a staccarsi dalla ciotola.
A questo punto versatelo su una spianatoia leggermente infarina e continuate a lavorare l’impasto finché non diventerà liscio e elastico.
Formate una palla con l’impasto, sistematelo in una ciotola e copritelo con uno strofinaccio umido.


Lasciate riposare l’impasto in un luogo tiepido e al riparo dagli spifferi – ad esempio in forno con la luce accesa – per circa due ore, o finché non raddoppia.
Passato questo tempo, infarinate una spianatoia e sistemateci sopra l’impasto. Spolverate di farina anche la palla di impasto lievitata, poi sgonfiatela delicatamente con le mani e stendetela con un matterello in una sfoglia di 1 cm di spessore.
Con un coppapasta da 6 cm ritagliate tanti tondi, e sistemateli da parte sulla spianatoia.
Rimpastate lo scarto rimasto e stendetelo di nuovo, per ricavarne altri bomboloni.
Spolverate di farina i bomboloni, copriteli con un canovaccio e fateli raddoppiare di nuovo.


Quando i bomboloni sono lievitati, prendete una padella capiente e riempitela di olio. 
Scaldate l’olio finché non raggiunge 155°C-160°C. Se non avete un termometro da cucina, fate la prova con un mestolo di legno. Immergete il manico nell’olio: se verrà immediatamente circondato dalle bollicine, l’olio è pronto per friggere.


Friggete pochi bomboloni per volta, per pochi minuti per lato. Quando sono dorati da un lato girateli delicatamente, fateli dorare anche dall’altro lato, poi sollevateli con una schiumarola e metteteli a scolare su un piatto sul quale avrete sistemato con un pezzo di carta assorbente. Zuccherateli subito, in modo che lo zucchero rimanga attaccato al bombolone.


Friggete tutti i bomboloni, poi riempiteli con una tasca da pasticciere con la confettura, io ho utilizzato quella di Albicocca Cadoro BIO. Voi scegliete quella che preferite: Cadoro BIO propone 12 gusti differenti.


Ricetta di Giulia Scarpaleggia.


CONDIVIDI
Richiamo Prodotto Filodiretto Punti Vendita